Le 5 migliori (Wine)Novità nate in Lockdown…

Mentre scrivo è il 25/05/2020, stiamo andando incontro alla Diversa e Nuova normalità del post Coronavirus.

Se ne sono sentite e dette tante riguardo il mondo del vino e della ristorazione in questi mesi di lockdown, ancora di più, me compreso, abbiamo cercato di vedere oltre il Lockdown su come saranno le cose riguardo vino e Ho.Re.Ca in questo post-Covid19.

Stiamo quindi per sapere come andranno in realtà e nel frattempo, voglio portare alla vostra attenzione le bellissime iniziative che invece, questo periodo di confinamento, incertezza e sì, anche paura, ci hanno fatto scoprire. Voglio racchiudere le 5 più belle iniziative nate in questi mesi e anche le iniziative dei produttori che, come sappiamo, sono e saranno certamente i più colpiti da questa situazione poiché ultima parte della catena.

In primis segnalo le fantastiche idee che sono nate sui social network, a parte le migliaia di profili di nuovi sommelier e comunicatori, poi quasi scomparsi appena è iniziata la Fase 1 (qualcuno anche prima n.d.r.) qualcosa di veramente buono c’è stato!

I social network come Facebook e Instagram e, nel mio caso il mio nuovo giovane canale YouTube, sono stati l’unico mezzo comunicativo e divulgativo a cui tutti, giorno e notte, raddoppiando il tempo in cui stiamo davanti allo schermo, abbiamo avuto per conoscere, comprare, scoprire e stare anche un po’ in compagnia.

Dirette con i produttori: una delle cose più belle che tutt’ora continua e spero tanto continuerà in futuro, è senza dubbio la presenza dei produttori sui social. Molti si sono avvicinati per la prima volta, altri, hanno ampliato la loro visibilità. Quasi tutti sono stati ospiti su vari profili, dal più piccolo al più grande, a raccontarsi, hanno aperto con le dirette su Instagram e Facebook le porte delle loro cantine, dei loro vigneti, sono stati chiamati a raccontarsi, per la prima volta, in prima persona. Una bellissima “moda” che spero moda non sarà anzi, un occasione unica per scoprire veramente il territorio, la filosofia di lavoro e aziendale di tanti piccoli produttori. Momento Coronavirus a parte, questo sistema non può che fare bene e creare grande attenzione. Bellissimo!

Aperitivi Virtuali e Brindisi On-Line: noi Italiani diciamolo, sappiamo davvero risollevarci da qualsiasi cosa e infatti, anche in momento di Lockdown, non sono mancati aperitivi via skype e via dirette che sono stati fantastici per tenere compagnia, conoscersi e confrontarsi su vari prodotti. Una bella idea è stata fare gli aperitivi a tema; Macerati, Bianchi, Rifermentati. Altra “moda” da mantenere assolutamente a mio avviso poichè ascoltare gli altri e conoscersi, anche se via schermo, rende i social network ancora più interessanti. Bisogna sfruttarli al 100% soprattutto interagendo e imparando tra Enolovers.

Una bellissima iniziativa per “stappare a casa” di Foodology

Adottare una Vite: questo progetto, di cui ho parlato anche in un articolo precedente, era già presente precedentemente il Virus, tuttavia, molte cantine non avevano tempo e mezzi per gestire questa bellissima iniziativa. Una delle cantine che mi piacciono di più e che ha ripreso questo progetto da pochi giorni è Vitivinicola Fangareggi, dove è possibile, semplicemente attraverso lo shop on-line del sito www.your-wine.it , adottare una pianta di Lambrusco Salamino o di Lambrusco Salamino e Ancellotta. Questa adozione, permette di affittare nel vero senso della parola la pianta di vite, si sarà costantemente aggiornati sulle lavorazioni e sulla salute della pianta per tutta la stagione, fino alla possibilità di andare personalmente a vendemmiare e raccogliere i suoi grappoli per iniziare la lavorazione in cantina. A fine stagione, ci saranno spedite direttamente a casa le nostre sei bottiglie o di PURO, un fantastico prodotto di Vitivinicola Fangareggi o 6 di VignaNera, uno dei prodotti di punta dell’azienda insieme al Metodo Classico. Consiglio mio? Adottare un paio di piantine e bere il nostro Lambrusco a Km zero!! (Ho parlato di questa azienda poiché lavora il Lambrusco e da Modenese, voglio fare pubblicità al mio territorio n.d.r.) .

Shop On-Line di Vitivinicola Fangareggi, dove è possibile adottare le piante di vite

Consegne a casa di prodotti a Km zero: non è mai stato veramente preso sul serio il discorso del Km zero, forse perché la parola zero non piace ai consumatori o forse perché nessuno è mai stato in grado di proporlo davvero bene e in caso di necessità. Moltissime cantine hanno iniziato a fare consegne a domicilio gratuite, hanno conosciuto alla porta di casa il consumatore, hanno messo veramente la loro parte per farci avere il loro prodotto. Pochissime cantine sono rimaste a guardare questo lockdown ed io ne sono enormemente felice, anche perchè questa volta il comprare il nostro vino a Km zero per davvero, è stato veramente facile e gratuito. Inoltre, alcuni produttori hanno consegnato anche altri prodotti della terra come verdura, frutta, sarebbe bellissimo se questo sistema potesse strutturarsi per raggiungere più clienti possibile. Che bellezza ragazzi!!

Progetti e App per WineLovers nate in Lockdown: tra i 5 punti toccati, ultimo ma certo non per importanza, il punto dedicato alle “invenzioni” hi-Tech legate al mondo eno-gastronomico in questo periodo. Sono nate tante App, tanti siti ben fatti e fruibili che danno la possibilità, ad esempio, di degustare vini on line, di partecipare ad eventi senza muoversi dal divano di casa. Altre (di cui non faccio nomi poichè non le ho testate ma…lascio a voi la ricerca n.d.r.) che già prima puntavano sull’ App per connettere e far conoscere, si sono ancora di più specializzate sull’esperienza dell’utente, una di queste che mi piace molto soprattutto come idea per questi giorni di semi-libertà e per ritornare gradualmente in vigna è l’App per l’enoturismo integrato e sostenibile “WineApp” che, come si legge sul loro sito: “Aiuta i wine lovers a trovare le aziende vitivinicole e i servizi legati al mondo del vino, affinchè possano conoscere i prodotti di eccellenza, pianificare i wine tour, degustare, lasciare una recensione ed essere informati degli eventi tramite delle push notification tutto a portata di mano con un semplice click,risparmiando tempo e risorse rispettando l’ambiente.”

Con queste 5 Mode che, come detto, spero che non siano mode ma nuove abitudini creative e di stare insieme, vi saluto e vi auguro una Buona libertà!!

Mi Segnalano in questi giorni la bellissima iniziativa della degustazione alla cieca con premi direttamente a casa ed in solitaria. Come funziona? molto semplice ma complesso da organizzare (per gli organizzatori n.d.r.) si riempiono piccole bottigliette con alcune tipologie di vino e annata o lavorazione, vengono contrassegnate con un simbolo che permetta agli organizzatori di riconoscerle e inviate in una piccola cassetta a tutti i partecipanti. I partecipanti provano i vini e scrivono le loro impressioni rinviando queste agli organizzatori. Un bellissimo progetto di cui fino ad ora, ho visto l’esistenza solo in Spagna ma sono certo che ne sentiremo parlare anche in Italia…c’è qualche volontario come organizzatore??? Per qualsiasi idea, io ci sono!! a presto Enolovers!

Foto di questa bellissima iniziativa presa dal profilo del grande @Jorgelrc70 (Jorge Rodriguez) amico e distributore di Vini Singolari a Tenerife (ES)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: