Cantina Ambora, un piccolo gioiello in mezzo all’oceano

tenerifewine e do tacoronte cantina ambora consejo regulador
Tegueste-Tenerife Nord-est Appezzamento di Cantina Ambora di Felipe Hernandez Gonzalez

Tegueste, zona nord-est dell’isola di Tenerife, un comune con poco più di 9.000 anime ai piedi della grande vallata che porta diretta alla bocca del vulcano Teide.

Alle sua destra il pendio ancora lieve del vulcano, alla sua sinistra il meraviglioso e roccioso Parco Rurale di Anaga. Davanti a sé, l’oceano Atlantico. In questa posizione privilegiata, in questa conca idrografica, viene assicurato a Tegueste un clima mite con temperature medie annuali intorno ai 18 gradi e una piovosità vicina ai 470mm/anno in un territorio primitivo, circondato dalle meraviglie naturali.

Questo piccolo comune è famoso per la sua storia, la sua cultura, l’arte e senza dubbio, meta di turisti provenienti da tutto il mondo per la sua enologia.

È da 4 generazioni che qui, in tre appezzamenti di 2 -2,5 ettari in totale, Felipe Hernandez Gonzalez riprende le redini dei suoi avi e continua con la lavorazione delle viti e la produzione di vino.

Cantina Ambora inizia molti anni fa producendo vino ‘a granel’ (vino sfuso n.d.r.) da vendere e contemporaneamente, si dedica alla coltivazione di prodotti di agricoltura. Al finale degli anni ’80 il padre di Felipe decide di ridurre parte dei vigneti poiché era difficile vendere il vino sfuso e decide di sacrificare una parte delle viti per proseguire con l’agricoltura. Tuttavia, la passione trasmessa al figlio per la sua terra, per la sua zona e per le varietà antichissime di uve presenti negli appezzamenti rimasti, spingono Felipe (attuale proprietario ed enologo della Cantina) a formarsi in Enologia e Viticoltura nella stessa isola di Tenerife.

Felipe Hernandez Gonzalez – Bodega Ambora

Dopo gli anni di studio, si sposta in Loira (Francia) per un periodo di pratica e apprendimento nella meravigliosa zona di Saumur; ritornato a Tegueste sull’isola, decide di continuare lavorando esclusivamente le viti e iniziare a produrre vino imbottigliato e non più sfuso. Questo cambio dá alla cantina voglia ancor più grande di mettersi in gioco, dá a Felipe la possibilità di iniziare a lavorare personalmente alle uve e al terreno per mettere nel vino qualcosa di suo; una sfumatura guardando al passato ed una sfumatura protesa al futuro. La cantina, che si trova sotto la casa dove Felipe vive de è cresciuto, viene allestita con barrique, fermentatori, vasche di acciaio; il lavoro qui, viene fatto senza alcun intervento chimico, lasciando le varietà antichissime libere di esprimersi al meglio in maniera naturale e differente.

Uno dei punti cardine della filosofia del giovane Felipe (classe’87 n.d.r.) è quella di lavorare e valorizzare esclusivamente le varietà presenti nel suo comune. Troviamo nei suoi appezzamenti viti di cui non si ha nemmeno una precisa idea di quanti anni possano avere, sono viti di Listan Negro, Listan Blanco, Malvasia Vulcanica che in questa zona prende il nome di ‘Malaga de Tegueste’ ; varietà ancestrali di Negramoll e Marmajuelo, viti storiche e lasciate crescere molto naturalmente.

Ho incontrato prima i vini di Cantina Ambora che il suo proprietario e la lavorazione fresca, affascinante e i sapori verticali e leggermente tannici delle sue tre produzioni, mi hanno veramente colpito.

Attualmente Felipe produce 5000 bottiglie/anno suddivise in tre linee di rossi (cosa strana per l’isola che abbonda di bianchi n.d.r.). Ha voglia di sperimentare, di guardare al futuro e mentre mi racconta dei suoi vini, dice che sta crescendo ed imparando ogni giorno con ogni vino, con ogni annata, con ogni pioggia qualcosa di nuovo. Tegueste è una zona con un altissimo potenziale dal punto di vista enologico e Felipe è uno dei pochi che si differenzia dalla ‘massa’ commerciale per dare valore e apportare qualcosa in più alla sua terra.

Vi presento brevemente qui le tre produzioni di Felipe che spero possiate presto assaggiare anche in Italia.

L’Ambora Vidueño Tinto: Questo vino è composto dalle varietà Listan Negro e Negramoll il tutto impreziosito da una piccola percentuale di Listan Blanco, una potente uva bianca autoctona. Tutte le varietà sono ovviamente (se mi seguite da qualche tempo lo saprete n.d.r.) a piede franco. L’appellativo ‘Vidueño’ sta ad indicare che ci sono più varietà che vanno a comporre il vino e che sono coltivate sullo stesso vigneto.

L’Ambora è il vino, diciamo base di Felipe, lavorato con pressatura soffice, fermentato con lieviti autoctoni e affinato in acciaio dopo la malolattica. Semplice sì è vero ma in questo vino, ritrovo una freschezza che manca a molti prodotti della zona, la percentuale di listan blanco dona al taglio una acidità verticale, particolare, sembra quasi di lasciarsi accarezzare e pulire il palato ed il tutto in una morbidezza stravolgente.

Rooga Tinto: Rooga è il nome aborigeno Guanche (antico popolo che abitava sull’isola prima dell’invasione spagnola n.d.r.) di una montagna vicino a dove Felipe coltiva e raccoglie la sua uva Castellana Negra utilizzata, in questo aggressivo taglio, insieme alla Listan Negro. Felipe racconta che non è il vino che desiderava, dice di non averlo pensato in questo modo tuttavia, il carattere a questa bottiglia non manca di certo. Vendemmiato ovviamente in modo manuale in piccole cassette quando la temperatura era 12 gradi, fermentazione spontanea in acciaio inox e affinato in barrique francesi seminuove per 10 mesi. Non filtrato e non chiarificato in nessun modo, come tutte le produzioni di Felipe.

Valle El Cuervo (Appezzamento coltivato a Castellana Negra e la montagna Rooga)

A me è piaciuto molto, ha un tannino marcato, potente che tuttavia non rovina la mineralità del vino. I sentori principali sono la pelle della pesca matura, le viole e le spezie, ampio in bocca e molto lungo e intenso. Un vino assolutamente non indifferente.

Paraje San Ignacio: Questo vino, prende il nome dalla zona in cui sono coltivate le uve che andranno in questa elaborazione. Anche qui abbiamo un Vidueño ossia più varietà, coltivate sullo stesso appezzamento, di differente età e qualità. Troviamo qui la Negramoll, Listan negro, Listan blanco, Marmajuelo e Vijariego Blanco, tutte a piede franco e di età compresa tra 55 e 120 anni.

Questo vigneto è veramente uno spettacolo naturale e Felipe ha tratto da qui l’essenza della sua produzione e l’essenza del suo territorio, per racchiudere il tutto nel suo vino di punta.

Vinificato con raspi di grande qualità, fermentazione spontanea in tini aperti qui, come nelle altre elaborazioni, il mosto scende per gravità nella parte bassa della cantina dove incontra una maturazione in barrique usate per 10 mesi, non filtrato e non chiarificato. Il Paraje San Ignacio ha visto la produzione di solamente 705 bottiglie per il 2018. Un grande vino che non mi sento di commentare poiché non renderei certo giustizia a quello che le mie papille gustative hanno provato nel berlo…

Felipe sta sperimentando e conta, per il 2020, di mettere in bottiglia qualche nuovo esperimento. Mi è piaciuto molto viaggiare in questa zona dell’isola di Tenerife, in questa vallata ai piedi del vulcano e con alle spalle i picchi primitivi e rocciosi del parco rurale e naturale di Anaga. Un giovanissimo produttore che entra senza dubbio a pieno merito in mezzo alla lista dei miei preferiti e di quelli da ‘tenere d’occhio’ poichè, sicuramente, si sentirà spesso parlare di lui e di questa piccolissima realtà.

Vi lascio i contatti social di Felipe e della sua cantina per dare una sbirciata e…magari, passare a trovarlo se siete in viaggio! Tenerife, terra vera, Canarias Vive!!!

Instagram Bodega Ambora

Facebook Bodega Ambora

A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: