Dalla distruzione alla BioDiversità: Stella di Lemmen

“… vasto incendio che ieri e nella notte ha distrutto più di venti ettari di bosco e vegetazione mediterranea alle spalle di Riomaggiore”

16 Ottobre 2011 -La Repubblica Genova Cronaca-
riomaggiore cinque terre 2020
Stella di Lemmen -Riomaggiore- Cinque Terre (IT)

A chi altro verrebbe in mente di iniziare a coltivare una vigna ed una terra in modo biodinamico e biologico, in ettari di bosco appena bruciati completamente, in una zona a strapiombo sul mare delle Cinque Terre sopra Riomaggiore, se non a noi Italiani, popolo capace e pieno di risorse, pieno di voglia di fare e sperimentare?

È la storia di Lucia, Ligure di origine che innamoratasi di un piccolo insieme di appezzamenti con una cascina, in mezzo alla terra bruciata in una zona da veri eroi come le Cinque Terre, ha dato vita a questo meraviglioso progetto di riqualificazione biodinamica e biologica che oggi ha il nome di Stella di Lemmen.

Avrei dovuto visitare proprio in Aprile, i giorni a cavallo del Vinitaly, questa preziosa e rarissima realtà ma, visto che siamo impossibilitati a muoverci causa virus e quarantene, Lucia ed il suo braccio destro Davide, di Stella di Lemmen, hanno deciso di anticiparmi qualcosa e accettare una mia video-chiamata in cui mi hanno fatto viaggiare e sognare sopra i bellissimi sbalzi mozzafiato della Liguria, nel rispetto del territorio e dei grandi valori e forza che da sempre ci contraddistinguono.

Stella di Lemmen Biodinamica Riomaggiore
Monorotaia utilizzata per raggiungere con le provviste Stella di Lemmen

È infatti dopo i violentissimi incendi che hanno colpito la zona sopra Riomaggiore e distrutto più di 20 ettari di bosco nel 2011 che Lucia, si trova a dover risanare e rendere coltivabili alcuni ettari di bosco e campi nonché, una vecchia vigna. I rovi sono alti tre metri, le sterpaglie e gli alberi bruciati da estirpare ed un ecosistema da rimettere in piedi. Le ci vorrà più di un anno per rendere “normali” i suoi appezzamenti. Un anno di grande lavoro e rispetto gestiti da una fortissima voglia di farcela.

LUCIA E DAVIDE DI STELLA DI LEMMEN DURANTE LA NOSTRA VIDEO-CHIAMATA

Ho avuto modo di parlare direttamente con lei e Davide, uno dei ragazzi che lavora a Stella di Lemmen e quindi, mi sembra doveroso farvi raccontare direttamente da loro, di questa splendida giovane realtà biodinamica nel cuore delle Cinque Terre.

CIAO DAVIDE E LUCIA, RACCONTATEMI UN PO’ DI STELLA DI LEMMEN E DEL TERRITORIO IN CUI CI TROVIAMO

(DAVIDE): “Ciao Francesco, Stella di Lemmen è situata sulle alture del Parco Nazionale delle Cinque Terre, (400 mt slm n.d.r.); a strapiombo sulla Baia di Canneto volge lo sguardo verso l’orizzonte e le isole di Corsica, Capraia, Gorgona e Elba, mentre tutto intorno è circondata da boschi di macchia mediterranea, castagni, Lecci, Acacie, Querce e Pini Marittimi e intere colline di ginestre ed erica.

Nasce come tu sai circa 6 anni fa quando Lucia (la titolare dell’azienda) arriva in questo luogo e dopo essere stata rapita dalla sua magica bellezza, ha l’idea di creare un qualcosa di unico, un punto di luce in quell’angolo di mondo ai confini della civiltà dominato totalmente da una natura incontrastata e sempre più imponente.”

(LUCIA): “Il nome deriva da ‘Limen’ che in latino significa confine ed è il vecchio nome della zona, la gente delle Cinque Terre chiama ancora questa zona Lemmen da Limen e il nome Stella invece, è poiché nella mia famiglia questo nome è sempre stato molto importante…”.

L’impresa si dimostra subito ardua, un fitto bosco da domare che si è impossessato degli antichi terrazzamenti abbandonati, centinaia di metri di muretti a secco da rifare, la difficile accessibilità e la verticalità della collina. Al principio è stato piantato un piccolo vigneto utilizzando vitigni classici della zona, Vermentino, Bosco, Albarola (vitigni del vino Bianco Cinque Terre) . Col passare del tempo vengono acquisite nuove fasce e nuovi terrazzamenti per arrivare ad oggi con circa 3 ettari di terreno. Quasi la metà è attualmente in produzione. Nasce l’idea di creare un’ Azienda Agricola Biologica e ci si avvicina alla Biodinamica, che presto diventa la caratteristica dominante di Stella.

(DAVIDE): “Grazie alla passione di Lucia per l’agricoltura e il benessere, l’azienda inizia a diversificare le sue colture, con il preciso intento di costruire un vero e proprio organismo agricolo e puntare sulla bio diversità.

‘Bio diversità’ come rivoluzione e riscoperta di un valore antico di qualità e cultura. Vengono piantati frutti antichi, susini, albicocchi, peschi, mandorli, ciliegi, fichi, melograni, gelsi, peri e meli, frutti di bosco, etc. Si coltivano erbe aromatiche e officinali con lo scopo di ottenere prodotti da infusione ed oli essenziali. Si sviluppa l’orto per la produzione di orticole biologiche da consumo fresco e da produzione conserviera. Vengono accolti 10 nuclei di Api da miele per la produzione di Miele monoflora (Erica, Acacia, Castagno) e millefiori.”

CHI È IL TEAM DI STELLA DI LEMMEN?

(DAVIDE): “Stella di Lemmen è condotta da Lucia, aiutata nel progetto da me, Michele e Riccardo; si avvale inoltre dell’aiuto di abili costruttori di muretti a secco per proseguire nel recupero del territorio, opera di immane fatica, se verrai a trovarci avrai modo di constatarlo personalmente!.

In un territorio come il parco nazionale delle Cinque Terre vi è un costante lavoro di contenimento dei boschi e della furia degli elementi, acqua e vento.

Diciamo che tra tutti gli ostacoli, il bosco forse è il principale, facciamo continuamente il tentativo di fare la pace con il bosco poiché lui cerca sempre di riprendersi quello che gli è stato tolto, diciamo che cerchiamo un equilibrio per entrambi. Stiamo anche pensando ad un bosco didattico, un percorso meditativo all’ombra del bosco, dove cercheremo di lasciarlo crescere e dargli attenzioni nel migliore dei modi, togliendo ciò che per lui può essere dannoso e aiutandolo a crescere.”

Agricoltura biodinamica vino biodinamico
Stella di Lemmen -Riomaggiore- Cinque Terre

PARLIAMO DEL VOSTRO VINO, ANCORA IN FASE SPERIMENTALE DAL 2018

(DAVIDE): “Il nostro motto è “portare il mare nel bicchiere”! Il nostro vino biodinamico, ancora in fase di sperimentazione con una prima vera vendemmia del 2019, è un vino bianco dal piacevole equilibrio tra acidità, sapidità e grado alcolico, con note delicate di fiori bianchi e un buon corpo; un vino affascinante.”

(LUCIA): “Fare vino qui è veramente da eroi, è una zona molto complessa a livello di microclima, di terreno e soprattutto a livello geomorfologico, abbiamo pendenze molto importanti, un terreno prevalentemente subacido e calcareo e l’influenza mediterranea dei venti e delle escursioni termiche rende questa zona piena di svantaggi…e anche piena di vantaggi. Uno dei vantaggi principali è la permeabilità del terreno, questo ci permette di non avere ristagni tra i filari quando, dopo le precipitazioni della zona, una vigna normale sarebbe piena di pantano e acqua; questo è anche uno svantaggio poiché nei mesi caldi è molto più difficile tenere umido il terreno che noi, per altro, abbiamo deciso di non irrigare mai ma utilizzare tecniche biologiche e biodinamiche di pacciamatura, sovescio, erba in mezzo ai filari etc.” .

COME STATE LAVORANDO LA VENDEMMIA 2019?

(DAVIDE): “In questi anni Francesco, anche se pochi, abbiamo imparato tanto, abbiamo imparato a fare le Vendemmie protratte nel tempo e non tutte e subito. Stiamo imparato a convivere con la fauna del bosco che nel 2018 ci ha mangiato gran parte dell’uva lasciandoci solo alcune piante di Vermentino. Per ora con questo 2019 abbiamo fatto vendemmia ovviamente manuale, fermentazione Malolattica e stiamo pensando di farlo affinare sulle bucce per un po’ di tempo. Stiamo valutando insieme all’enologo il da farsi per estrarre ciò che desideriamo da questo territorio e dall’annata.”

(LUCIA): “Non abbiamo fretta di farlo uscire, dobbiamo continuare a sperimentare fino a quando il vino non sarà unico, perfetto, questo vogliamo. Abbiamo anche qualcosa della 2018 ma fu un’annata sfortunata come ha detto Davide e abbiamo fatto poco, inoltre non rispecchiava le nostre aspettative quindi, non è stato commercializzato. Sarà un percorso lungo, vedremo cosa ci porterà il 2019, non abbiamo fretta ma abbiamo altissime aspettative.”

Vigna biodinamica

QUANTE BOTTIGLIE FARETE DALLA 2019?

(DAVIDE): “Direi 1000 bottiglie più o meno, nel 2020 contiamo di arrivare anche a 2000. Da poco abbiamo appena acquisito i locali che diventeranno la cantina vera e propria, in opera dal 2021, dove sarà presente il nostro laboratorio di lavorazione prodotti, la cantina di lavorazione uve ed invecchiamento ed una boutique dove si potranno acquistare i nostri prodotti biologici e acquistabili anche sul nostro portale on-line non ancora sul mercato.”

Vendemmia manuale biodinamica vino
Vendemmia 2019 Stella di Lemmen

COME FACCIAMO A TROVARVI E TROVARE I VOSTRI PRODOTTI?

(DAVIDE):”Stella di Lemmen è situata proprio sul sentiero da Portovenere alle Cinque Terre e si raggiunge a piedi da diverse direzioni. 10 minuti dal Colle del Telegrafo, 20 minuti dal Santuario della Madonna di Montenero, 40 minuti da Riomaggiore. Noi per le provviste e per salire e scendere utilizziamo la nostra monorotaia.

L’azienda sta crescendo e stiamo progettando una degustazione nel 2021, con la prossima ristrutturazione di uno degli antichi rustici presenti all’interno della tenuta. La degustazione sarà la conclusione di un percorso sensoriale nelle terre di Stella, dagli orti alle vigne attraverso le erbe officinali.”


Stella di Lemmen e la sua storia, rinata dalle ceneri di un vero e proprio disastro ambientale come furono gli incendi massivi del 2011 in questa zona, mi ricorda tanto la nostra situazione attuale e mi da speranza per un futuro nuovo, più sostenibile e soprattutto, speranza che tutto ritorni alla vita, alla normalità.

Non mancherò di visitare Stella ed assaggiare le annate del suo vino come era in programma e sono sicuro, nasceranno grandi progetti poiché tutto ciò che viene gestito con passione, pazienza e amore, prima o poi, ritorna alla vita!

Vi lascio come di consueto un contatto di Stella di Lemmen, per seguire insieme il loro viaggio!

Instagram: @StelladiLemmen

TUMBLR: https://stelladilemmen.tumblr.com/

A presto! Francesco.

“Si ringrazia Davide e Lucia anche per avermi permesso di utilizzare le bellissime fotografie presenti in questo articolo”

2 pensieri riguardo “Dalla distruzione alla BioDiversità: Stella di Lemmen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: