Calendario Biodinamico per le degustazioni perfette!

Molte volte mi sono ritrovato ad osservare la luna e la sua luce azzurra che illumina quasi a giorno, nelle bellissime serate di ‘superluna’ e di cielo sereno. Ho spesso anche scelto e assaggiato vini cercando di cercarli tra quei produttori che seguono una agricoltura sostenibile, a stretto contatto con la naturalezza e gli astri.

Fin da quando ero bambino, aspettavo il giorno dell’imbottigliamento del Lambrusco che con il nonno andavamo a prendere in damigiana in cantina sociale. Si beveva Grasparossa, tutt’ora uno dei miei vitigni preferiti e dovevamo sempre aspettare che “ci fosse la luna buona…” come diceva mio nonno. A volte, non si imbottigliava poiché c’era vento o a volte, poiché i lavori nell’orto della nonna, avevano la precedenza vista sempre la luna. Un astro che ha grande impatto sulle nascite, sulle maree, ricordo durante il mio viaggio in Irlanda, quando andammo a visitare le Isole Aran, durante il giorno le barche erano appoggiate al fondale marino, il porto era completamente secco e queste sembravano alla deriva; verso mezzanotte, già erano completamente galleggianti e proprio verso quell’ora, i pescatori partivano per il lavoro.

Io sono ‘cancro’, la mia carta dei tarocchi mi hanno sempre detto essere la carta della luna, questo astro ha sempre avuto un impatto importante su di me e sul mio stato emotivo. È quindi tanto tempo che cerco di seguire chi oggi, ancora nonostante tutto, ci tiene a questi ‘segnali’ che arrivano dal cosmo. Ho finito di leggere da poco un libro meraviglioso di Maria Thun, grande studiosa di biodinamica, forse la più grande studiosa di biodinamica. Il suo libro “Costellazioni e Agricoltura Biodinamica” oltre al “Calendario biodinamico per l’Agricoltura” che lessi l’anno scorso, mi hanno dato un sacco di spunti per testare, anche in degustazione, la veridicità delle nozioni lasciate da Maria Thun e proseguire la mia ricerca riguardo le degustazioni secondo il calendario biodinamico.

Voglio lasciarvi con questo articolo solo alcune nozioni da poter sfruttare per testare, provare se ne avete voglia o solamente, per assaporare meglio qualche bottiglia di vino secondo la biodinamica.

Sostanzialmente, senza entrare troppo in dettaglio, la Luna nel cielo compie la sua rivoluzione intorno alla terra in circa 27-29 giorni, durante questa rivoluzione la luna attraversa varie costellazioni e così, ogni mese. È proprio in base a dove sta passando la luna che si pianificano operazioni in vigna, in orto e anche, per grande fortuna di noi Winelovers, le degustazioni.

Sembra che esistano 4 fasi principali nella biodinamica e queste sono:

LA RADICE: (Periodo propizio per la potatura) quando la luna transita nei segni di terra quali Vergine, Toro e Capricorno

LA FOGLIA: quando la luna transita nei segni zodiacali di acqua quali Pesci, Cancro e Scorpione

IL FIORE: quando transita in prossimità dei segni di aria come i Gemelli, la Bilancia e l’Acquario

IL FRUTTO: (Migliori giorni per la vendemmia) quando la luna passa nei segni di fuoco, Ariete, Leone e Sagittario

In base a questi transiti, oltre alle lavorazioni quali semina, sovesci, raccolto (vendemmia) etc. possiamo basarci anche per effettuare le nostre degustazioni, ovviamente di vino biodinamico.

A quanto pare sembra che nei giorni di:

RADICE: spicchino nei vini le mineralità, i tannini spigolosi, non è, secondo Maria Thun, un buon giorno per aprire una bottiglia in quanto i sentori aromatici e floreali sono molto attenuati

FOGLIA: emergono con potenza principalmente i caratteri erbacei e vegetali, elementi legnosi. Giorno sconsigliato per i rossi ma consigliato per alcune classi di bianco se vogliamo far risaltare queste strutture aromatiche.

FIORE e FRUTTO: Giorni migliori per degustare, bianchi e rossi, i tannini saranno più morbidi, il vino più strutturato, verticale, con un bell’equilibrio aromatico e sfumature floreali, aperto, rotondo con una complessità aromatica notevole.

Questo calendario, che spesso per divertimento e curiosità ho provato a seguire, credo possa non solo indicare quando aprire e provare un vino ma anche darci indicazioni su che tipologia di vino aprire o scegliere. Se ad esempio stiamo cercando e ci piacciono i sentori spiccati minerali o i vini con toni profondamente erbacei, potremo scegliere di aprire quel vino nei giorni di Radice o Foglia in modo da far risaltare le qualità che cerchiamo.

Le possibilità di usare questo calendario e queste veloci linee guida sono legate ovviamente al conoscere dove la luna sarà durante i vari giorni e mesi. Non è difficile comunque scoprirlo, on line ci sono tantissimi siti che giorno per giorno, mese per mese, possono dare precise indicazioni sui giorni Radice, Foglia, Fiore o Frutto. Uno di questi è senz’altro questo link in cui ogni mese viene pubblicato l’intero calendario biodinamico per l’agricoltura e le posizioni della luna.

In caso contrario, sulla mia pagina Facebook, con un po’ di ritardo questo mese ma prontamente da Aprile e il primo lunedì di ogni mese, potrete trovare i migliori giorni per degustare.

Spero possiate testare alcune di queste linee sia che siate cultori del naturale e della biodinamica, sia che no. Sicuramente, sarà una…romantica bevuta!

One thought on “Calendario Biodinamico per le degustazioni perfette!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: