Benje Tinto, pura armonia con la natura dalle mani del progetto Envínate-Tenerife

Benje Tinto Red 2017 Listan Prieto/Tintilla

Si concentra tra la Ribeira Sacra (Nord di Spagna-sopra il Portogallo) e le Isole Canarie il progetto chiamato Envinate. 4 Enologi dall’Università di Enologia di Alicante, Roberto Santana, Alfonso Torrente, José Martinez e Laura Ramos danno vita a questo gruppo che inizialmente, altro non era che una società di consulenza per aziende vitivinicole. Uno dei progetti più emblematici dell’enologia spagnola, si propone di cercare e ricoltivare appezzamenti in zone geneticamente e geograficamente molto particolari con vigneti già presenti in modo autoctono e selvatico sul territorio.

Qui in Tenerife vengono prodotti alcuni dei vini più particolari dei 4 enologi, in suolo totalmente vulcanico e una viticoltura che va ben al di lá dell’essere ‘eroica’. Sono prodotti molto particolari per un pubblico che ricerca autenticità, innovazione e i sapori reali e minerali di un tempo. I vigneti che Envinate cerca e riqualifica sono per lo più costituiti da viti autoctone dell’isola di Tenerife, probabilmente sull’isola già al tempo dei Guanche, la vecchia popolazione che abitava le isole prima dell’invasione spagnola.

QUI potete trovare un breve excursus sulla viticoltura di Tenerife.

Il Vulcano Teide da una delle strade al nord di Tenerife

Mi sono imbattuto in questi giorni in un prodotto di Envinate che cercavo da tempo, il Benje Tinto.

Il Benje è un blend di uve Listan Prieto e Tintilla, lavorate in totale armonia con la natura che circonda i vigneti e senza nessun lavoro chimico o di filtrazione in cantina. Senza dubbio un vino emblematico che vorrei portare alla vostra attenzione. La Listan Prieto è una uva chiamata anche comunemente Negra o Mission, si crede sia originaria della zona di Castilla la Mancha-Spagna, ma questa provenienza non è certa e attualmente è quasi scomparsa, ne sono rimasti solamente 29 Ha. nelle isole Canarie; alcuni di questi ettari, totalmente allo stato naturale (dati del 2008).

La Listan Prieto è una uva resistente, coltivata tra i 100 e gli oltre 1000 metri, si è adattata perfettamente nei secoli al terreno vulcanico e povero e alle correnti saline degli alisei che dal Nord dell’oceano Atlantico picchiano sui versanti quasi inaccessibili dove si trovano i vigneti. Ovviamente a piede franco, una zona salvata totalmente dalla Fillossera, un po’ per l’altitudine e un po’ poiché in Tenerife e in Canarie in genere, sembra che questo parassita non sia mai arrivato.

Con un portamento eretto e lunghi viticci, i suoi grappoli sono medi e compatti, con bacche sferiche di medie dimensioni e un colore blu nerastro. Di buona resa la sua produzione è migliorabile con una irrigazione regolare (migliorabile significa che se ne può fare tendenzialmente a meno).

Con questi presupposti, Envinate si mette a produrre il Benje Tinto con Listan Prieto e Tintilla provenienti dalla zona di Santiago del Teide in Tenerife, un piccolo paese ai piedi del vulcano; zona che sta suscitando in questi anni un grande interesse da parte di enologi da tutto il mondo per la sua genetica unica. A 1000 metri ed oltre di altezza a totale sbalzo sull’oceano, crescono e riposano le uve di oltre 110 anni. Fermentazione di 30gg. e affinamento in barrique francesi per 8 mesi. Non filtrato, né chiarificato e nessuna aggiunta di solfiti. Solitamente i vini di Envinate sono esclusi dalle varie D.O. dell’isola tuttavia, su questa bottiglia, è applicato il sigillo della Denominazione Ycoden Daute-Isora, zona di produzione.

Ho provato la vendemmia 2017 di questo meraviglioso vino, con un colore rosso granato spento ed una trasparenza medio alta, nella coppa emana aromi primari e minerali di grande impatto. Subito si nota la pietra, piccole sfumature ferrose al naso e la grande carica aromatica di frutta rossa e bianca come la banana, l’albicocca, la ciliegia e la prugna, spezie e un bouquet armonico di tannini che struttura il corpo del Benje. In bocca è vellutato, acidità perfettamente equilibrata, si nota la spiccata mineralità e la salinità. Si beve molto piacevolmente con i suoi 12%Vol. ma tuttavia ha una viscosità ed un portamente da vino molto più alcolico e potente. Mentre lo degustavo, cercando di adattarmi alla spigolosità che a volte mi ha colpito, mi sono accorto di quanto cambi mentre lo bevi, i sentori minerali vanno affievolendosi rendendo la Listan Prieto sempre più morbida.

Una cosa assolutamente notevole di questo vino è l’intensità e l’ampiezza del retrogusto che mi ha ricordato i ritorni dei sapori in bocca dei grandi vini come i Baroli o i lunghissimi Amarone, che non hanno nulla a che vedere col Benje ma l’intensità, è veramente eccezionale. Un vino pienissimo che mi ha riportato alla mente alcuni ricordi passati, come quelle feste di paese dove dai camioncini spiccano gli aromi dello zucchero filato, delle salse di mostarda e pop corn.

Si dice, tra chi ha bevuto alcuni di questi vini (più di me) che non si trovi una bottiglia ed un annata uguale all’altra di questo vino. Ognuna ha da insegnare qualcosa, si pensa che addirittura questo cambio anche tra le bottiglie dello stesso anno, sia dovuto alla zona del campo da cui proviene l’uva, ci si può spostare di pochi metri per avere una uva con una genetica totalmente differente ed una mineralità diversa.

Un grande vino ed un grande progetto che approfondirò sicuramente meglio direttamente con i 4 grandi “Supereroi” di Envinate nel 2020. Un progetto che basa tutto sull’armonia con la natura e sulla genetica e fino ad ora, non ha sbagliato. Mi piace vederlo come una antica innovazione per ritornare ad una enologia più vera e sicuramente, di nicchia.

Un grande prodotto da una piccola ma grande terra per l’enologia.

Benje Tinto Envinate wine Tenerifewine
Benje Tinto 2017 Santiago del Teide Tenerife

3 pensieri riguardo “Benje Tinto, pura armonia con la natura dalle mani del progetto Envínate-Tenerife

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: