Vini Naturali e Atlantici da altre latitudini: TenerifeWine

Ho vissuto su quest’isola per più di 4 anni commerciando vino Italiano e Spagnolo.

Tutti conoscono Tenerife per alcune cose caratteristiche: sole e temperature primaverili tutto l’anno, iva al 7% e poche tasse. Il paradiso del pensionato ma anche di tanti giovani come me che vogliono vivere di sole e spiagge…e vino!

Nonostante lavorassi nel settore e conosca molto bene la viticoltura, le aziende e i distributori che lavorano qui, non ho mai scritto nulla sulle etichette e sulle potenzialità dell’isola a livello di vino.

Non tutti sanno che qui il vino si fa dal 1500 più o meno, si crede fu un portoghese a decidere per la prima volta di rimettersi a lavorare con tecniche di viticoltura alcuni dei vitigni autoctoni e selvatici di Tenerife.

Ci sono varietà sconosciute ai più come il Listan Blanco, Listan Negro, Marmajuelo, Gual, Albillo Real, Vijariego, Negramoll, una Malvasia molto particolare e unica che a questa latitudine e col terreno dell’isola, esprime il meglio della sua genetica. Si pensa che molte di queste uve fossero già presenti sull’isola allo stato selvaggio e che grazie all’invasione spagnola, si iniziò poi a “lavorarle”. I Guanche, la popolazione mistica e autoctona che abitava Tenerife prima dell’arrivo degli Spagnoli, probabilmente lavorava e conosceva molto bene le tecniche di vinificazione e si crede che addirittura usasse già le botti di legno come “deposito” per il vino. I Guanche furono un popolo pacifico e dedito all’agricoltura, la loro origine e arrivo sull’isola, ha un alone mistico e quasi leggendario esattamente come l’inizio delle vere produzioni di vino. Se ne parla spesso nel settore e nel governo Canario che, da anni, sta spingendo e promuovendo l’enoturismo veramente bellissimo che si può fare a Tenerife e purtroppo, ancora poco conosciuto ai turisti italiani.

Un piccolo orto sulle vallate del Nord di Tenerife 'zona La Orotava'

Una delle peculiarità di quest’isola, che spesso si perde tra le dicerie del sole tutto l’anno e delle basse tasse, è la `presenza del Teide. Il Teide è “il vulcano” attivo; arriva a toccare i 3718 metri slm e attestarsi così il terzo posto come vulcano più alto della terra. Anche Tenerife grazie a lui è l’isola più alta della terra, praticamente Tenerife è il Teide. Quasi interamente sviluppata sui suoi versanti, dal cratere fino agli hotel a 5 stelle sulle coste. Parlano del Teide già i marinai impegnati nelle prime traversate oceaniche che descrivono questo gigante di roccia visibile da oltre 440 miglia. Dire questa cosa, sempre mi emoziona un po’!!

Potete quindi ben immaginare la variabilità di clima e di terreno in cui crescono e si sono sviluppate le uve di queste varietà, accarezzate dagli Alisei e dalle brezze saline, a sbalzo sull’oceano Atlantico tra montagne, nubi e mare e sottoposte a notevoli cambi di Temperatura, in suolo giovane vulcanico per lo più basaltico. Sul Teide e sui suoi versanti nevica, ricordo benissimo il freddo gelido che, al mattino presto, scende sulla costa. La viticoltura qui è definita Eroica poiché è impossibile lavorare la vigna con macchinari, tutto deve essere manuale e anche gli impianti delle viti sono quasi tutti esclusivi delle Isole Canarie. Il Cordon Trenzado è il più utilizzato e antico metodo di coltura, simile in parte al nostro Cordone Speronato, ci sono poi i vasi per proteggere dal vento intenso le viti ed altri.

A tenerife ci sono attualmente 5 Denominazioni di origine, con genetiche totalmente differenti. Una varietà coltivata al Nord, non sarà mai nemmeno lontanamente simile alla stessa varietà coltivata al sud. Nascono vini freschi, giovani, salini e minerali e anche se il termine minerale può essere usato per svariate cose oggigiorno, credo che definire minerale un vino di Tenerife, sia la cosa più sensata e che più lascia spazio all’immaginazione enologica.

Non sono mai stato un enorme amante di questi vini, soprattutto per la quantità di zuccheri che a volte si trovano nella coppa, soprattutto nei bianchi dolci, fiore all’occhiello delle produzioni vinicole; tuttavia, riconosco un terroir unico che probabilmente va compreso prima di dare giudizi.

Palo Blanco di Envinate annata 2017

Inoltre, le cantine e gli enologi iniziano ad avere esperienza, quasi tutti si formano all’estero, apprendono le tecniche più naturali o biodinamiche o le più classiche e rientrano per applicarle ai vecchi vitigni di famiglia. Già nei 4 anni di mia permanenza, l’enologia è cambiata tanto; i padri che coltivavano vino per uso familiare e i nonni, hanno lasciato le vigne e le cantine alla perseveranza e alla nuova esperienza dei figli che ne hanno fatto una vera cultura. Una viticoltura giovane, decisa, con carattere e grandissima innovazione e passione. Una generazione a cui è stato dato addirittura un corso di laurea in Enologia all’Università storica di “La Laguna”, ex-Capitale di Tenerife e centro molto antico e universitario.

I vini quindi, cominciano ad essere molto interessanti, soprattutto i bianchi secchi, lavorati spesso in terreni con genetiche uniche al mondo e quasi inaccessibili, affinati in anfore, legno o vetro in maniera totalmente naturale e biodinamica.

Io, ci ho messo quasi 4 anni e mi sono innamorato del Palo Blanco. Un progetto chiamato Envinate, un progetto único, di cui spero potervi raccontare presto di più. Palo Blanco e altri vini della stessa linea sono esclusi dalle DO Canarie e forse, proprio per questo mi hanno incuriosito ancora di più. Escono dagli schemi e lasciano impronte potenti nella memoria olfattiva. Coltivati e affinati in zone fuori dal normale con metodologie di fermentazione e affinamento che non rispondono ai requisiti imposti dal Consejo Regulador (D.O) .

Sono Vini che dentro hanno tutta l’isola col suo terroir.

Qui ho scritto di un incontro con l’amica e enologa, nonchè proprietaria, di Cantina LoHer, una delle cantine che mi ha colpito di più durante il mio ultimo viaggio nell’isola il mese scorso e so, che la lunga lista è appena iniziata.

4 pensieri riguardo “Vini Naturali e Atlantici da altre latitudini: TenerifeWine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: